Benvignûts

Glesie Furlane e je un grop di cristians e furlans che a cirin di lâ a font des lôr lidrîs culturâls e religjosis, par podê conciliâ in maniere armoniche la proprie fede cu la proprie identitât culturâl. Vuê si fevelarès di “inculturazion de fede” o di “vanzelizazion de culture”.

Nassût viers i agns ’70, sul sburt dal Concili Vatican II (1962-1965), dai prins pas de Teologjie de liberazion e tal contest politic-culturâl de cussience autonomistiche furlane, al à come figure carismatiche iniziâl il professôr pre Checo Placerean (1920-1986).
Pôcs agns daspò dal Concili e jere nassude la dibisugne di cognossi miôr la storie e la vite dal nestri popul par che la glesie e sedi plui incjarnade, par che il Vanzeli e la fede a vedin il savôr de nestre tiere; par che la nestre lenghe, il nestri cjant, la nestre vite a jentrin a plen dirit te liturgjie.

Obietîf de Associazion al è chel di cognossi, studiâ, promovi, valorizâ cun ricercjis, publicazions, incuintris dut ce che al rivuarde la dimension religjose te culture furlane cirint tant traviers lis fonts storichis che la realtât contemporanie.

Di cheste gnove cussience de proprie origjinalitât e dignitât, e nas l’esigjence di “dâi a la nestre fede il savôr de nestre tiere”. Midiant dal studi des risultivis, dai aprofondiments, de traduzion dai tescj biblics, de lenghe furlane inte liturgjie e de valorizazion dal patrimoni musicâl.

Moments impuartants a son la Semblee dai predis (1975), dai Cristians (1977) e i agns de ricostruzion dopo dal taramot dal 1976. Il grop di “Glesie Furlane” al à produsût la traduzion de Bibie (1997), il Lezionari (2001) e il Messâl Roman. Al à al so atîf une produzion letterarie cualificade, oltri a tancj e puntuâi documents e pronunciaments. Di cuarante agns in ca al organize a Vençon cors di studi e di aprofondiment a scjandence mensîl.
Tal 1974 ai 28 di avost bons. Battisti arcivescul e bons. Pizzoni ausiliâr e titolâr di San Pieri di Cjargne a invidin ducj i predis de Cjargne a celebrâ une Messe te plêf mari di San Pieri. Un trop di predis a domandin la Messe par furlan. I vescui no acetin. Dîs predis a firmin un document che a lassin sul altâr prime di messe e a jessin di glesie. E je scomençade la lungje marce di “Glesie Furlane”.

Responsabii de Associazion a son:

pre Romano Michelotti, president
bons. Roberto Bertossi, vice president

BENVENUTI

Glesie Furlane è un gruppo di cristiani friulani che cercano di approfondire le loro radici culturali e religiose, al fine di conciliare in modo armonico la propria fede con la propria identità culturale. Oggi si parlerebbe di “inculturazione della fede” o di “evangelizzazione della cultura”.

È nato nei primi anni ’70 del secolo scorso, sulla spinta del Concilio Vaticano II (1962-1965), agli albori della Teologia della liberazione e nel contesto politico-culturale della presa di coscienza dell’autonomismo friulano. All’inizio ha avuto come figura carismatica il professore don Francesco Placereani (1920-1986).
Pochi anni dopo il Concilio era sorta la necessità di conoscere meglio la storia e la vita del nostro popolo affinché la chiesa sia maggiormente incarnata, il Vangelo e la fede abbiano il sapore della nostra terra; affinché la nostra lingua, il nostro canto, la nostra vita entrino a pieno diritto nella liturgia.

Obiettivo dell’Associazione è il conoscere, studiare, promuovere, valorizzare con ricerche, pubblicazioni, incontri tutto ciò che concerne la dimensione religiosa nella cultura friulana scrutando sia le fonti storiche sia la realtà contemporanea.

Da questa nuova coscienza della propria originalità e dignità, nasce l’esigenza di “dare alla nostra fede il sapore della nostra terra”. Di qui, allora, ci siamo impegnati nello studio delle fonti, negli approfondimenti, nella traduzione dei testi biblici, nell’uso della lingua friulana e nella valorizzazione del nostro patrimonio musicale patriarchino.

Momenti importanti sono l’Assemblea del clero (1975) e dei Cristiani (1977) e gli anni della ricostruzione post terremoto (1976). L’Associazione “Glesie Furlane” ha operato instancabilmente per la traduzione integrale della Bibbia (1997), del Lezionario festivo (2001) e del Messale Romano. Ha al suo attivo una produzione letteraria numerosa e qualificata, oltre alla produzione di numerosi e opportuni documenti e pronunciamenti. Dagli anni ’80 del secolo scorso organizza a Venzone corsi di studio e di approfondimento a scadenza mensile.
Nel 1974 il 28 agosto l’arcivescovo mons. Battisti e l’ausiliare mons. Pizzoni titolare di San Pietro in Carnia invitano tutti i preti della Carnia a celebrare una Messa nella pieve madre di San Pietro. Un gruppo di preti chiede di celebrare in friulano. I vescovi non accettano. Dieci preti firmano un documento che depongono sull’altare prima della Messa ed escono di chiesa. È iniziata la lunga marcia di “Glesie Furlane”.

Responsabili dell’Associazione sono:

don Romano Michelotti, presidente
mons Roberto Bertossi, vicepresidente

CONTRIBÛTS RICEVÛTS (ex lege del 04/08/2017, n. 124, art. 1, comma 125)

AN 2021: Glesie Furlane e à ricevût chescj contribûts de bande di:

Contributo Regione FVG 10.000 euros: 07/05/2021
Contributo Regione FVG 10.000 euros: 18-10-2021
Agjenzie des Jentradis 5×1000 2.098,22 euros: 29/10/2021

AN 2020: Glesie Furlane e à ricevût chescj contribûts de bande di: RAFVG (20.000 euros: 17/05/2020). Agjenzie des Jentradis 5×1000 (€ 1.007,95 euros: 30/07/2020 e € 2.318,20: 06/10/2020)

AN 2019: Glesie Furlane e à ricevût chescj contribûts de bande di: RAFVG (20.000 euros), Agjenzie des Jentradis 5×1000 (453,08 euros)

SEDE LEGÂL: via Zara 10 – 33038 Villanova di San Daniele del Friuli (UD)

C.F.: 94035000309 | P.I.: 02351650300

IBAN: IT35Y0863763790000023015162

Chest sît al dopre dai cookie, continuant a navigâ tu acetis di doprâju. Plui informazions.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi