Olmis di Diu - A. Beline

Dal lûc al timp

01 di Zenâr 2005

I storics des religjons a restin maraveâts e no simpri a rivin a dâsi une spiegazion razionâl de peculiaritât dal popul ebraic rispiet a ducj chei altris popui dal mont d’in chê volte. Par solit si cjate un popul grant o une istituzion fuarte e dominant che e rive a conservâ e adiriture a imponi une sô concezion culturâl e religjose. Ma nol è mai sucedût che un popul piçul, perseguitât in ogni sisteme, sogjet a mil solecitazions e tentazions, al vedi podût conservâ la sô unicitât, tant di podê autoproclamâsi il popul di Jahvè, une sorte di sô propietât esclusive.

Ma, a ben cjalâ, il monoteisim al è dome un dai aspiets di cheste anomalie dal popul ebraic e nol è il plui impuartant. Cjalant la concezion religjose dal popul ebraic e chê di ducj chei altris popui, si ven a scuviergi un aspiet che jo lu consideri veramentri unic e rivoluzionari. Ducj i dius, di ducj i popui, a son peâts a un lûc e a un teritori particolâr di protegi come garants de sô furtune. I dius dal Egjit a àn di difindi l’Egjit, l’autoritât dal faraon e la sô prosperitât. Cussì i dius di Babilonie o di Ninive o di cualunche altre comunitât. I dius a son metûts a vuardie dal templi, a sigurâ un status quo. Vuê si ju clamarès conservatôrs, par no dî reazionaris.

Il Diu di Israel, invezit, al è un Diu che nol è peât a nissun lûc fisic o gjeografic ma al è peât a un popul, a la sô storie, ai siei moments plui o mancul furtunâts. Nol è il Diu di Atene o di Corint o di Rome, ma il Diu di Abram, di Isac e di Jacop. Un Diu peât a lis personis e al lôr divignî. No un Diu scrufuiât su la spice dal templi a garantî che dut al resti come prime, ma un Diu ch’al cjamine pes stradis dai oms, cu lis lôr gjambis, a cirî furtune e a patî ogni sorte di tribulazion come lôr. No un Diu dal passât, ma dal avignî. No un Diu di podê, ma di ricercje. No un Diu di sigurece, ma di riscjo. No un Diu potent, ancje se impotent come ducj i idui, ma un Diu debul e patibil, ancje se onipotent. Nol è un câs che i ebreos a privilegjin la sabide, il timp, rispiet al templi, il lûc.

Cheste concezion di Diu, cheste idee straordenarie e rivoluzionarie, e je stade la lôr salvece inte lôr disgracie, come che la concezion contrarie e je stade la ruvine dai popui ch’a vevin peât la divinitât ai claps, ai palaçs, al podê. Colât il templi, pierdût il teritori, al è colât dut. Ce ch’al è restât al è dome un segnâl patetic di une grandece pierdude, bon juste pai turiscj e pai curiôs. Invezit il popul ebraic al è savût resisti a la pierdite dal templi, de patrie, de libertât e al à savût frontâ ogni sorte di peripeziis e di sfurtunis confidant in chel Diu che al cjaminave cun lui, incjadenât come lui, dispierdût come lui, perseguitât come lui. E ancje tal moment plui alt e tragjic de sô storie, tal Olocaust, là che nol veve nuie, nancje la sperance dal avignî, al à sintût che Diu al spartive cul so popul la prove plui grande e duncje nol jere dibessôl.

Dut chest al à di zovânus ancje a nô, cussì puartâts a privilegjâ i lûcs matereâi de religjon, come i santuaris o grancj monuments de nestre fede. Cence spreseâ la glesie di clap, o vin di privilegjâ la vite in ogni sô dimension e situazion. E l’om concret al vâl plui di cualunche statue o inmagjine de divinitât. Cussì, plui che custodî lis memoriis venerandis ma muartis dal passât, o cirarìn lis stradis che Diu al prepare par nô tal avignî e il nestri cûr al sarà proietât indenant, e no indaûr, a la Gjerusalem dal cîl, cence templi, a la Sabide eterne.

Chest sît al dopre dai cookie, continuant a navigâ tu acetis di doprâju. Plui informazions.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi