Notiziis e avîs

Plui lenghis al vûl dî plui fede

28 di Lui 2006
O vin za dit plui voltis che salacor il 2006 al rapresente un an une vore particolâr pe lenghe furlane. Tal aiar si sint un ciert eletric che dal sigûr al lassarà il segn tai lunaris.
Di fat dongje dal inovâl pai 10 agns de leç 15 dal 1996, a son cetantis iniziativis ta chescj mês, tacant propit dal grup di lavôr nomenât di pueste de Regjon pe revision de normative cuadri di riferiment. Ma no dome lis istituzions laichis a son in vore. Come che nus à contât pre Romano Michelotti, plevan di Vilegnove, un dai components di Glesie furlane e colaboratôr atîf par cont de Diocesi te iniziative in argoment, a son aromai mês che al stât mandât jù a Rome ae atenzion de Cei (Conference episcopâl taliane) ancje il messâl in lenghe furlane: la prime traduzion in marilenghe che e ten cont de ultime edizion latine dal test, ven a stâi la “editio typica tertia” dal 2002.Glesie furlane e je une associazion nassude tai Agns ’70 e no je fate dome di religjôs, ancje se tancj siei components a son oms di glesie. Tes sôs finalitâts e je la promozion e la tutele de culture e de lenghe furlanis, des tradizions locâls e la sô azion e je dedicade in particolâr ae tematiche religjose, fondantle sui principis che a son stâts fissâts ancje dal Concili Vatican II li che la glesie, tra l’altri, e à metût in bande il latin, par celebrâ la messe te lenghe dal popul. In dute Italie chest principi al à significât l’inizi dal ûs dal talian ad implen vie pes celebrazions, ma intune vision plui complete, pal Friûl chest al vûl dî il dirit di doprâ la marilenghe tes messis di chenti.
Duncje une ativitât che e va indevant di cetancj agns ancje cuntune atenzion particolâr ai tescj di doprâ in glesie e che e à za puartât la traduzion sedi de Biblie sedi dal Lezionari. L’ultin pas in ordin di timp al sarès il messâl, che par dî la veretât al è za stât voltât e consegnât a Rome ae Cei pal parê necessari par podê dopo presentâlu ae Congregazion vaticane pal cult divin e pal bon ordin dai sacraments, che e varà la ultime peraule pe aprovazion de traduzion. Magari cussì no però chest passaç al è inmò lontan, ancje se aromai a son agns che Glesie furlane, ma no dome, e je daûr a lavorâ su chest test. Di fat, za tal 1998 a jerin stâts fats i prins pas pe traduzion dal messâl, ma il moment fondamentâl al è stât tal 2002 cuant che e je stade publicade la “editio typica tertia” dal messâl latin, il test di riferiment par dute le glesie dal mont e che al è stât la fonde ancje pe traduzion furlane. Cun di plui, come che si diseve, il lavôr al è il risultât di une comission interdiocesane nomenade dai trê vescui des diocesis furlanis di Udin, Gurize e Concuardie Pordenon.
Cumò però il timp al è passât e Glesie furlane, la anime fuarte di cheste comission fate di plui predis ma ancje cu la partecipazion di laics come Giovanni Frau, docent de Universitât dal Friûl, e je convinte che si à spietât avonde.E cussì e je intenzionade a sburtâ par che la cuestion si smovi fûr di cheste paralisi cence spiegazions. E lu fâs riclamant i principis che al veve plui voltis marcât ancje pre Bepo Marchet, cuant che al diseve che la nestre tiere e à la sô fonde te culture di popui e tal rispiet de diviersitât, comprendude la culture furlane, une des cuatri che a caraterizin cheste regjon di confin nassude, cressude e madressude fin dai timps dal Patriarcjât di Aquilee intune misture e convivence di plui identitâts ancje linguistichis.
Glesie furlane e je duncje rispietose di chei che a son i passaçs che a coventin par otignî il ricognossiment di un test come il messâl, che al pues jessi considerât come un dai strument plui alts che si puedi dâ al popul intune opare di inculturazion de fede. Ma dongje chest rispiet pe jerarchie eclesiastiche, e je une posizion ferme par domandâ che al vegni dât un ricognossiment di un dirit dovût e no dome un sempliç plasê di bande dal Vatican. E nol è dome chest, che za al sarès avonde par une soluzion in curt de cuestion. Daûr di cheste domande a son tancj elements no dome simbolics. Ducj si visin des peraulis dal Pape Zuan Pauli II cuant che tal 1992 in visite in Friûl, intal so discors a Udin al disè “Fradis Furlans: us saludi te vuestre marilenghe e us invidi a tignî dûr, cu lis tradizions, la fede cristiane e i valôrs dal fogolâr e a fâju cressi tal cûr dai vuestris fîs”. Peraulis che a marchin il rispiet pes minorancis come vie pe pâs e che a àn la fonde tal vanzeli li che al ven riclamât il principi de cure pai piçui e pai indifês. E par ultin, ma no par impuartance, no si à di dismenteâ il trentesim aniversari dal Taramot dal 1976. Podê rivâ ae aprovazion dal messâl in marilenghe al volarès dî puartâ insom il procès di ricostruzion ancje spirituâl di une tiere che e à savût resurî di un montafin cence paragons. Chest al darès duncje il just ricognossiment ae nestre nazion che vie pai secui e à dât dimostrazion di fede e rispiet ancje par sieltis discutibilis. Cun chest no si fevele di nostalgjiis patriarcjâls che a cjalin indaûr cence futûr: tes peraulis di pre Romano si sint clare la cussience che la tradizion de Glesie di Aquilee e je la lidrîs che e puartarà gnovis pomis al morâr de glesie dal Friûl. Parcè che intun mont globalizât, une concezion romanocentriche dal catolicisim no je atuâl par vie che al volarès dî sierâ i voi denant di une realtât, che simpri di plui si manifeste te diviersitât e te convivence necessarie dai popui, des culturis, des tradizions e des lenghis intun spirt di pâs e tolerance.

Christian Romanini

Chest sît al dopre dai cookie, continuant a navigâ tu acetis di doprâju. Plui informazions.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi