BIBIE IN LINIE

Cjapitul 1

RITUÂL DAI SACRIFICIS

1 1 Il Signôr al clamà Mosè e, de tende de cunvigne, i disè: 2 “Feveliur ai israelits e dîsiur: Cuant che un di vualtris al volarà fâi une ufierte al Signôr, i ufrissarà besteam grant o minût.

Olocauscj

3 Se l’ufierte e je un olocaust di besteam grant, al ufrissarà un mascjo cence pecjis; jal ufrissarà biel jentrant de tende de cunvigne, par vê la benevolence dal Signôr. 4 Al metarà la man sul cjâf de vitime e chê e sarà acetade a pro di lui, par fâ par sè une funzion di espiazion. 5 Podopo al sacrificarà il nemâl denant dal Signôr e i predis, fîs di Aron, a ufrissaran il sanc e lu sborfaran torator dal altâr che al è te jentrade de tende de cunvigne. 6 I gjavaran la piel al nemâl e lu fasaran a tocs. 7 I fîs dal predi Aron a metaran il fûc sul altâr e a metaran lens sul fûc; 8 po i fîs di Aron, predis, a metaran i tocs, il cjâf e il gras sui lens e sul fûc che al è sul altâr. 9 Al lavarà cu l’aghe i budiei e lis talpis; po il predi al brusarà dut sul altâr a mût di olocaust, sacrifici consumât dal fûc, bonodôr che i plâs al Signôr.

10 Se la ufierte e je un olocaust di besteam minût, piore o cjavre, al ufrissarà un mascjo cence pecjis. 11 Lu sacrificarà de bande a miegegnot dal altâr, denant dal Signôr, e i predis, fîs di Aron, a sborfaran il sanc torator dal altâr. 12 Lu pararà a tocs, cul cjâf e cul gras, e il predi ju metarà sui lens slargjâts sul fûc dal altâr. 13 Al lavarà cu l’aghe i budiei e lis talpis; po il predi al ufrissarà dut e lu brusarà sul altâr, olocaust, sacrifici consumât dal fûc, bonodôr che i plâs al Signôr.

14 Se la sô ufierte al Signôr e je un olocaust di ucei, al ufrissarà tortorelis o colomps. 15 Il predi ju ufrissarà sul altâr, ur cjonçarà il cjâf, che lu fasarà brusâ sul altâr, e il sanc al sarà sborfât sul flanc dal altâr. 16 Podopo i tirarà vie il sgrasalâr cun dute la porcarie dentri vie e le butarà a jevade dal altâr, là che al è il fûc pes cinisis. 17 Si smiezarà l’ucel cjapantlu pes alis ma cence distacâlu, e il predi lu brusarà sul altâr, sui lens che a son sul fûc, a mût di olocaust, sacrifici consumât dal fûc, bonodôr che i plâs al Signôr.

Notis:

  • 1,1 - Dut l’implant des funzions al à come suage storiche il timp dal desert, sot il comant di Mosè. In realtât, però, and è stadis zontadis tantis regulis plui in ca. Il libri al è stât rifinît daspò dal esili. La tradizion cristiane e à simpri viodût, in dutis chestis regulis, par nô ancje masse puntilgjosis, une preparazion e une prefigurazion dal unic sacrifici di Crist che nus salve (Eb 8s).
  • 1,4 - L’espiazion al è il sacrifici che al torne a meti in buinis cun Diu l’om pecjadôr. Si ufrìs il nemâl par riscatâ la persone. Tai sacrificis di espiazion, il sanc al à une impuartance primarole. Sacrificis come chescj ju cognossevin ancje altris popui lentiator, come i assirian-babilonês e i cananeus.
  • 1,5 - Nol dîs cui che al à di sacrificâ. Il predi al scomence la sô funzion dome cuant che il sanc de vitime al è metût a contat cul altâr, là che al pò meti pît dome lui.
  • 1,9 - L’ufierte no je viodude come une mangjative che l’om i ufrìs a Diu o che le spartìs cun lui, ma tant che un fum plen di bonodôr che Diu lu à a grât.
Cjapitui:

Chest sît al dopre dai cookie, continuant a navigâ tu acetis di doprâju. Plui informazions.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi