BIBIE IN LINIE

Cjapitul 1

L’om denant dal so limit

1 1 Peraulis di Qoelet, fi di David, re di Gjerusalem.

2 Nuie di nuie, al à dit Qoelet,

nuie di nuie: dut al è nuie.

3 Ce vuadagn i vegnial mo al om di dute la fadie,

di dut ce che si lambiche sot dal soreli?

4 Une ete e va e une ete e ven;

cun dut a chel la tiere e je simpri ferme.

5 Il soreli al jeve, il soreli al va a mont

e al spessee a lâ tal so puest.

6 L’aiar al va viers misdì e al volte a tramontane.

L’aiar, tal so viaç, nol fâs che vultulinâ:

al torne simpri tai siei vuluçs.

7 Ducj i flums a scòrin viers dal mâr

e il mâr no si jemple mai;

i flums a tòrnin simpri a scori

viers dal lûc là ch’a van scorint.

8 Ogni discors al reste a mieç,

parcè che l’om nol rive a finîlu.

Il voli no si pas di ce ch’al viôt,

ni l’orele no si jemple di ce ch’e sint.

9 Ce ch’al è stât al è ce ch’al sarà,

ce ch’al è stât fat al è ce che si fasarà.

Nol è nuie di gnûf sot dal soreli.

10 Cualchi volte si sint a dî:

“Cjale po! Cheste e je une novitât”.

Ma cheste e je za stade

tai secui prin di nô.

11 No ’nd’è ricuart dai viei

e no ’n’ sarà nancje di chei ch’a vignaran

par chei ch’a saran dopo di lôr.

12 Jo, Qoelet, o soi stât re di Israel in Gjerusalem. 13 Mi soi metût d’impegn par cirî e par resonâ, midiant de sapience, sun dut ce ch’al capite sot dal soreli. Al è un lavôr mostro chest che Diu ur à dât ai oms par ch’a fadìin in merit. 14 Cussì o ài viodudis dutis lis voris che si fàsin sot dal soreli e o ài concludût che dut al è nuie e un lavorâ cence costrut.

15 Ce ch’al è stuart no si pò dreçâlu,

ni ce ch’al mancje no si pò metilu in cont.

16 O resonai cussì dentri di me. “Ve’: o soi deventât plui grant e plui savi di chei ch’a àn regnât prin di me in Gjerusalem; il gno cjâf al à cuistât unevore di sapience e di sience. 17 Ma dopo di jessimi metût a cirî la sapience e la sience, la matetât e la stupiditât, o soi rivât a la conclusion che ancje chest al è un lavôr cence costrut, parcè che

18 là ch’and’è cetante sapience and’è unevore di scombatiment,

e se si cres te sience, si cres ancje tal dolôr.

Notis:

  • 1,1 - Qoelet, seont la trascrizion di San Jaroni, al è l’“om de semblee” o glesie (Eclesiast: chel ch’al fevele te semblee). Al è dit “fî di David” parcè che si pensave ch’al fos Salomon.
  • 1,2 - “Nuie di nuie e dut al è nuie”. Al è il struc filosofic di dut il libri. I ebreos no vevin il concet di “nuie”, ch’al è soredut filosofic. O vin voltât cun “nuie” une peraule ebraiche che par solit si le volte cun “vanitât”. La “vanitât” e sares alc di plui di nuie: une soflade, un vapôr, une fumate lisere lisere che si sfante e a sparis tal nuie.
  • 1,4-11 - Dut al passe e dut al reste simpri compagn. Ce che si môf al è come se no si moves, parcè che nol rive a saltâ fûr dal limit de nature.
  • 1,12 - Qoelet la sô “veretât” le à sperimentade: al à provât dut ce che di plui biel si podeve provâ ma nol è rivât a la felicitât.
  • 1,18 - Plui l’om al sa e plui si rint cont che il mont al è un nuie. Di chi il dolôr.
Cjapitui:

Chest sît al dopre dai cookie, continuant a navigâ tu acetis di doprâju. Plui informazions.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi