BIBIE IN LINIE

Cjapitul 1

Direzion e ringraciament

1 1 Pauli, apuestul di Crist Gjesù par volontât di Diu, seont la promesse di vite ch’e je in Crist Gjesù, 2 a Timoteu, fi une vore cjâr: gracie, misericordie e pâs de bande di Diu Pari e di Crist Gjesù nestri Signôr.

3 O ringracii chel Diu, che lu servìs cun cussience monde ancjemò dal timp dai miei vons, ogni volte che o fâs memorie di te tes mês preieris, cence soste ni di gnot ni di dì. 4 Visantmi des tôs lagrimis, o ài gole ancje di tornâti a viodi, par jessi colmât di gjonde, 5 tal ricuart di chê fede cence falsetât ch’e je in te e che prime ancjemò e veve fate la sô cjase tal cûr di tô none Loide e di tô mari Eunice e, jo o soi sigûr, le à fate ancje dentri di te.

Esortazion a jessi fuarts tal predicjâ il vanzeli

6 Par chel ti racomandi di tornâ a fâ sflameâ il don di Diu ch’al è in te midiant de imposizion des mês mans. 7 Di fat Diu no nus à dât un spirt di timidece ma di fuarce, di amôr e di sintiment. 8 No sta vergognâti alore di testemoneâ nestri Signôr e ancje me ch’o soi in preson par lui, ma patìs invezit cun me pal vanzeli confidant te fuarce di Diu. 9 Di fat al è lui che nus à salvâts e nus à clamâts cuntune clamade sante, no in virtût des nestris oparis ma seont il so progjet e la sô gracie, che nus è stade dade in Crist prin dai timps de eternitât, 10 ma ch’e je stade pandude cumò midiant de aparizion dal salvadôr nestri Gjesù Crist. Lui al à disfate la muart e al à fate lusî la vite e l’inmortalitât midiant dal vanzeli, 11 che jo o soi stât metût aralt, apuestul e mestri.

12 Anzit, al è propit par cheste reson che jo o sopuarti dutis chês robis li, ma no mi vergogni gran, parcè che o sai a cui ch’o ài crodût e o soi convint fin dapît che lui al à il podê di tignî cont dal gno dipuesit fint in chê dì. 13 Cjape come spieli lis sanis dutrinis che tu âs sintudis di me, te fede e tal amôr ch’al è in Crist Gjesù. 14 Ten cont dal bon dipuesit midiant dal Spirtu Sant ch’al vîf in nô.

Notiziis personâls

15 Tu sâs che ducj chei de Asie, fra lôr ancje Figjel e Ermogjene, mi àn implantât. 16 Il Signôr ch’al vedi dûl de cjase di Onesifor, parcè che mi à dât spirt plui di une volte e di dôs e no si è vergognât des mês cjadenis. 17 Che anzit, cuant che al è vignût a Rome, al à spesseât a cirîmi fin che no mi à cjatât. 18 Il Signôr i dedi ancje a lui di cjatâ misericordie denant di Diu in chê dì. Ducj i servizis ch’al à fat a Efeso tu ju sâs ancje tu miei di cualunche altri.

Notis:

  • 1,4 - Al fevele di cuant ch'al à scugnût lassâ Pauli, ch'al leve presonîr a Rome.
  • 1,7 - Il ream di Diu al domande spirt, fuarce, snait, sgrimie, ancje se par solit si bat di plui su la rassegnazion
  • 1,10 - La fonde di dut e je simpri la resurezion di Crist.
  • 1,12 - Al è di stâ fidâts sun Diu massime cuant che lis robis nus pâr ch'a ledin malamentri. Diu al ten note di dut par cuant ch'al fasarà i conts te grande “zornade”.
  • 1,15 - A àn vude pôre di lassâsi viodi a Rome come amîs di Pauli.
Cjapitui:

Chest sît al dopre dai cookie, continuant a navigâ tu acetis di doprâju. Plui informazions.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi